Metodi Attivi e Disabilità

All’interno della famiglia dei metodi attivi rientrano tutti quei sistemi di approccio alla persona, al gruppo, alla comunità che utilizzano il dispositivo teatrale come strumento di conoscenza di sè e degli altri.
L’innovazione e l’efficacia dei metodi attivi risiede appunto nel “far provare” (sperimentare) e rivivere, in una situazione protetta, ruoli e vicende personali significative, facilitando il passaggio da ‘narratori’ di eventi a ‘protagonisti’ degli stessi, offrendo nuove percezioni di sè, nuove opzioni comportamentali, nuove verità, ed infine avviando un processo di riflessione e trasformazione.
Sono pertanto un ausilio importante per favorire la crescita personale, per ampliare la conoscenza di sé e della propria storia, promuovere la consapevolezza relazionale e di grupp, incrementare lo sviluppo della capacità comunicativa.
Sono estremamente utili nel trattamento di svariati disturbi somatici, psicologici e relazionali.
Si sono rivelati anche efficaci strumenti formativi orientati alla crescita professionale, all’analisi e alla ridefinizione del ruolo professionale stesso, allo sviluppo di una maggiore consapevolezza dei confini e delle connessioni tra ruoli personali, ruoli professionali, ruoli sociali.
Fanno parte di questa famiglia lo psicodramma classico, il sociodramma, il playback theatre, l’arteterapia, la danzaterapia e altri. Alcune di questi sono presenti all’interno delle nostre proposte.

Lascia un commento